La via dell'artista - L'inizio del cammino

La prima settimana è stata molto interessante. Ho iniziato le pagine del mattino e non è tanto ciò che scrivo ad aiutarmi quanto l'esercizio finale di prendere consapevolezza. 

 

Si è trattato di un duro lavoro, che mi ha portata molto in profondità a confrontarmi con il passato e soprattutto il futuro.

 

Di positivo ho notato che ha stimolato molto le idee, come se nell'universo ci fosse un disegno per me e ogni azione, che la mattina mi trovo a pensare e che durante il giorno concretizzo, porta ad un'altra azione e poi un'altra e un'altra ancora. 

Mi sono ritrovata spesso spaventata, in conflitto, sovrastata da cattivi pensieri, ma sono seguite sempre azioni attive e non succubi di questa negatività.

 

Le pagine del mattino m hanno disteso la mente e ho potuto mettere a fuoco le mie azioni giornaliere. Scrivere rende i miei pensieri reali, un contratto che stipulo con me stessa ogni singolo e unico giorno, per una come me,con un grosso deficit di costanza, direi che è uno strumento molto utile.

Il mio primo appuntamento con l'artista. Tanta gioia.

Avevo in mente di fare tante cose, ma ne ho fatta solo una: disegnare.

L'esperienza è stata quasi divina, l'odore dei colori, le idee che fluivano, musica, pensieri, tutto era in armonia e in equilibrio perfetto.Me lo ero ripromessa:

 

"Disegna Serena, colora , divertiti e fermati solo quando sarai stanca soddisfatta e appagata."

Ci sono stati una serie di eventi importanti, ho chiesto un confronto a mia madre, lei a differenza di me ricorda molto bene il passato, io invece tendo a dimenticare e così mi sono resa conto di quante cose hanno leso la mia autostima e la fiducia in me stessa anche se non sono rimaste impresse nella memoria. Ho fatto delle lunghe passeggiate da sola e questo mi ha permesso di curare le mie ferite.

 

In conclusione posso dire che è stata una settimana molto difficile, faticosa, pesante, ma bellissima, piena di speranza e di riscontri positivi.

Se vi siete avventurati come me in questo percorso posso dirvi questo: provarci è già mettersi alla prova, cascano le difese e si, la prima settimana può essere difficile, ma non escludo che per altre persone sia molto più semplice e fluida.

 

Sicuramente l'Universo ci vuole aiutare e ci conduce per mano su ogni strada che decidiamo di intraprendere, la differenza sarà che se ascoltiamo il nostro cuore ci cullerà dolcemente, mentre se andiamo contro noi stessi forse tirerà un po', indicandoci che non sempre la via apparentemente più semplice è anche la più felice.

Scrivi commento

Commenti: 0